Libro unico lavoro 2020 (LUL)

Libro unico lavoro, il Lul

Il libro unico lavoro deve essere compilato con tutti i dati relativi ai lavoratori, per ciascun mese di riferimento, entro la fine del mese successivo.

Obbligati: Tutti i Datori di lavoro privati, con l’unica eccezione del Datore di lavoro domestico.

Sono ricompresi anche:

Datori di lavoro agricoli;
Datori di lavoro dello spettacolo;
Datori di lavoro del settore autotrasporto;
Datori di lavoro del settore marittimo;

Nel libro unico del lavoro devono essere iscritti tutti i lavoratori subordinati, i collaboratori coordinati e continuativi e gli associati in partecipazione con apporto lavorativo.

Tenuta del libro Lul

L’art. 39 del D.L. 112/2008, ai sensi del quale il LUL deve essere tenuto tramite uno dei seguenti sistemi: 1) elaborazione e stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo, 2) stampa laser o 3) supporto informatico.

Il datore di lavoro può quindi scegliere tra le seguenti modalità di tenuta:

elaborazione e stampa meccanografica su fogli mobili a ciclo continuo, preventivamente vidimati e numerati dall’Inail.

La sede Inail interessata dovrà in questo caso essere presente in tipografia durante la stampa dei moduli ed eseguire la vidimazione sull’ultimo foglio del blocco;

Libro unico lavoro 2020 (LUL)

vidimazione in fase di stampa laser: e previsto il rilascio di una autorizzazione preventiva alla vidimazione direttamente alle case di software che ne facciano richiesta alla Direzione generale dell’Inail esclusivamente via e-mail entro il mese precedente la messa in uso,
presentando i vari tracciati dalle stesse predisposti.

Il rilascio della predetta autorizzazione deve avvenire entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta.

La stampa elaborata dal software deve possedere i seguenti requisiti indispensabili:
– tracciato conforme al fac-simile autorizzato;
– indicazione della data e ora di stampa di ogni foglio;
numerazione progressiva della pagina con il numero di autorizzazione attribuito, la data di autorizzazione e il codice della sede Inail competente;

su supporti magnetici, a condizione che ogni blocco di scrittura costituisca documento informatico, non modificabile, firmato digitalmente dal tenutario e con apposizione di marca temporale, e sia collegata alle registrazioni in precedenza effettuate.

I sistemi di elaborazione automatica dei dati devono garantirne consultabilità, inalterabilità ed integrità, nonchè la sequenzialità cronologica delle operazioni eseguite, nel rispetto delle regole tecniche stabilite dal Codice dell’Amministrazione digitale.

Sanzioni

L’omessa o infedele registrazione dei dati, salvo che si tratti di errori meramente materiali, si applicano sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 150 ad un massimo di 6.000 €. La mancata conservazione del LUL comporta una sanzione da 100 a 600 €

Lascia un commento